CAPOEIRA

Lotta, danza, acrobatica, musica, gioco  e molto altro: cosa caratterizza questo sport brasiliano

Questa lotta brasiliana di origine africana, a metà tra sport da combattimento, gioco e danza, è un’attività fisica diversa dalle altre: basata su movimenti acrobatici e sincronizzati, è comunque indicata per tutti, anche per chi non pratica sport da molto tempo, o per bambini e ragazzi.
È uno sport, infatti, che si adatta alle capacità fisiche di ognuno, migliorando l’equilibrio, la forza, l’elasticità e la coordinazione.
Rafforza i muscoli e le articolazioni, migliora la flessibilità e la coordinazione muscolo-scheletrica, grazie all’esecuzione di sequenze veloci e potenti che coinvolgono non solo le gambe ma tutto il corpo.

Frequentare un corso di Capoeira significa anche conoscere una nuova cultura, conoscere la storia che dalla schiavitù dei popoli africani ha portato alla liberazione e alla pratica di questo sport a livello accademico.

È molto indicata per bambini e ragazzi, perchè nella pratica della Capoeira – a differenza di altre arti marziali – è molto importante il gruppo e il senso di appartenenza a esso, e la competizione si basa solo su dinamiche di gioco, non sull’agonismo. Facilita, dunque, la capacità di aggregazione, la fiducia negli altri, la voglia di stare insieme e di divertirsi. Stimola l’attenzione, l’astuzia, la disciplina, il rispetto.

Ogni lezione di Capoeira è, inoltre, accompagnata dalla musica, suonata con gli strumenti tradizionali di questa disciplina, come il Berimbau. Questo aspetto favorisce anche lo sviluppo dell’orecchio musicale e del senso del ritmo.

 

 

Insegnante: Leandro Florencio Alves