TIP TAP

Rita Colosi: lezioni di Tip Tap

 

Nelle mie lezioni l’attenzione è focalizzata sull’aspetto tecnico partendo dal principio che il tip tap sublima l’unione tra suono e

movimento e che, pertanto, come per i musicisti, la ricerca del suono perfetto non può prescindere dal coinvolgimento totale

del corpo. Questo agisce in funzione delle estremità (i piedi nel nostro caso, le mani o la bocca per chi suona) le quali, a loro

volta, sono al servizio dello strumento (per noi le claquettes).

 

Il movimento, quindi, non parte dai piedi e men che mai dalle caviglie ma, attraverso la gestione del peso, queste reagiscono al suo

fluire attraverso il corpo dando così vita al suono desiderato.

Il suono giusto nasce dal movimento giusto e non può essere altrimenti. Per cui, se nell’estenuante ripetizione del gesto collegato

alla produzione del suono al fine di perfezionarlo si limita l’attenzione alle parti che entrano direttamente in contatto con lo

strumento sollecitandole eccessivamente e in modo improprio, non soltanto non si otterranno i risultati auspicati ma ciò potrà anche

essere dannoso per il nostro corpo.

 

Quante volte abbiamo sentito di ginocchia o schiene doloranti e di tendiniti nei danzatori come nei musicisti?

Alla base c’è un approccio sbagliato all’esercizio modificando il quale, nel rispetto della struttura corporea e del suo funzionamento

generale, si possono acquisire tecnica e velocità senza danneggiare articolazioni, tendini, muscoli e colonna vertebrale.

Il contatto delle claquettes col pavimento deve essere gestito nel modo più sano e corretto possibile per evitare i fastidi di cui sopra

e ottenere la migliore qualità del suono che, ovviamente, rappresenta il nostro obiettivo.

Applicando i principi di cui sopra, all’interno delle lezioni si affronta poi lo studio dei passi e delle legazioni fondamentali per ogni

tap dancer, dedicandosi infine all’elaborazione di una routine coreografica in cui ritmo e ballo magicamente si fondono.

Il tutto si potrebbe riassumere in:

 

Dal movimento giusto nasce il suono giusto.

È così che si acquisiscono tecnica e velocità.